La Giornata Mondiale del Libro

Giornata Mondiale del Libro

Il 15 Novembre 1995, in occasione della 28 Conferenza Generale riunitasi a Parigi, l’UNESCO ha proclamato il 23 AprileGiornata mondiale del libro e del diritto d’autore“. Scopo dell’evento è quello di incentivare la scoperta del piacere della lettura e valorizzare l’inestimabile contributo della letteratura al progresso sociale e culturale dell’umanità.

La scelta della data, il 23 Aprile, non è stata del tutto casuale. In questo giorno, nel 1616, avvenne la morte di tre importanti scrittori: Miguel de Cervantes (1547 – 1616), William Shakespeare (1564 – 1616) e Inca Garcilaso de la Vega (1539 – 1616). Inoltre il 23 Aprile sono nati altri scrittori famosi, oltre lo stesso Shakespeare: Maurice Druon, Vladimir Nabokov, Manuel Mejìa Vallejo e Halldòr Laxness (premio Nobel per la Letteratura nel 1955).

Ma per scoprire le vere origini di questa celebrazione amatissima dai lettori, bisogna andare in Catalogna. Fu, infatti, Re Alfonso XIII a promulgare nel 1926 un decreto reale che istituiva la “Giornata del libro spagnolo“. In principio la data era stata fissata per il 7 Ottobre, ritenuto il giorno di nascita di Cervantes, ma poi nel 1931 la giornata fu spostata al 23 Aprile. Questo giorno coincide con la festa di San Giorgio, patrono di Barcellona e della Catalogna, rendendo l’evento ancora più bello. Difatti, una tradizione medioevale vuole che ogni uomo regali una rosa alla propria donna. Sulla scia di questa tradizione, oggi a Barcellona ogni libraio regala una rosa per ogni libro venduto e tutta la città è invasa da banchetti pieni di libri e rose. Ecco perchè i catalani vivono con grande allegria e partecipazione l’avvenimento. Aumentano gli articoli sui libri nelle pagine dei giornali, si organizzano numerosi eventi culturali per le strade di Barcellona, dove i lettori hanno la possibilità di incontrare i loro scrittori preferiti.

E se la Giornata Mondiale del Libro in Spagna è un’occasione per incrementare le vendite di libri dal 7% al 10%, non si può dire la stessa cosa della situazione editoriale italiana. Secondo il “Rapporto 2013 sullo stato dell’editoria in Italia” a cura dell’Ufficio studi AIE, in due anni il fatturato è diminuito del 14% e altri studi hanno rilevato che il 54% degli italiani non legge neanche un libro l’anno. Ogni giorno chiudono molte librerie e, sebbene sia in crescita, il mercato dell’e-book non mantiene la proporzione con il calo del libro cartaceo. Sono dati che dimostrano una crisi innanzitutto culturale, ben più spaventosa di quella economica. In un simile panorama, la Giornata Mondiale del Libro acquista ancora più importanza, rimarcando la necessità di tornare alla letteratura per un benessere individuale e sociale. Potete seguire l’evento grazie all’hashtag #GiornataMondialeDelLibro.

In coincidenza con la Giornata Mondiale del Libro, oggi parte anche Il Maggio dei Libri, campagna promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori. L’iniziativa durerà fino a fine Maggio e si propone di favorire l’incontro con il libro, grazie a numerosi eventi in tutta la penisola consultabili qui.

Vi auguriamo una buona Giornata Mondiale del Libro con questo bellissimo corto d’animazione, vincitore del premio Oscar nel 2012 come Miglior cortometraggio d’animazione.

Scritto da

Potrebbero interessarti anche...